Caricamento Eventi

« Tutti Eventi

Relazione di Alessandra Campo – Tempo e causalità psichica. Nachträglichkeit: l’immagine mediatrice di Freud – Commenti di Maurizio Balsamo e Fabio Fiorelli

luglio 6 @ 14:30 - 17:30

Evento Navigation

Scansione

La clinica dell’isteria mostra a Freud che per fare un trauma occorrono due tempi, che qualcosa diviene vero, ma solo “dopo”, che l’effetto tangibile di un’esperienza appare sempre più tardi e che un ricordo rimosso diventa trauma solamente nachträglichaprès-coup. La causalità psichica non è una causalità lineare: post hoc non significa propter hoc. Il segreto clinico dell’isteria è che il dopo è causa del prima perché la causa non precede l’effetto: lo segue. Eppure, che l’effetto sia la causa della causa, non è una faccenda esclusivamente gnoseologica: non si tratta, cioè, soltanto della comprensione ritardata degli eventi così familiare a ogni storico di professione. La Nachträglichkeit  freudiana sovverte la tem­poralità e la causalità nella misura in cui stravolge ciò che il senso comune crede: che vi sia un prima che viene, nel senso di esiste, prima, come causa e ragione di un dopo che viene, nel senso di esiste, dopo, come effetto e significato. Il prima è veramente, ossia realmente, il dopo e il dopo è veramente, ossia realmente, il “prima”.

Grazie alla Nachträglichkeit, Freud rompe con l’originario e il protostorico. Vi riesce nella misura in cui si rende conto che il già dato non cessa di articolarsi con il “qui e ora” e che ogni evento è in atto, compientesi più che compiuto. Il passato esplode nel presente grazie alla contemporaneità di un investimento “retroattivo” da parte del futuro perché, ordinato metapsicologicamente, il concetto di Nachträglichkeit ci dice che: 1) l’irreversibilità è una conseguenza della rimozione; 2)  la ripetizione deriva dalle caratteristiche della memoria, presente non in maniera univoca, ma molteplice; e 3) l’oscillazione tra prima e dopo, passato e futuro, è la traduzione, in termini fenomenici, della bidirezionalità strutturale dei processi psichici inconsci, ossia: dell’assoluta simultaneità di tutto in tutto – quodlibet esse in quolibet – che caratterizza lo psichico reale.

 

 

Dettagli

Data:
luglio 6
Ora:
14:30 - 17:30

Organizzatore

Clinamen – Ricerche Psicoanalitiche

Luogo

Angelicum
Largo Angelicum, 1
Roma, 00184 Italia
+ Google Map:
Sito web:
http://www.angelicumcongress.it/index.php/it/